Le origini e la storia dell’impepata di cozze

Le origini e la storia dell’impepata di cozze

impepata di cozze

Chiamata “a ‘mpepata ‘e cozze” in dialetto napoletano, l’impepata di cozze è uno dei piatti tipici della Campania.

Spesso presente sulle tavole nei giorni di festa, questa ricetta può essere gustata sia come antipasto che come secondo piatto.

La preparazione non richiede tempi molto lunghi e, infatti, l’impepata di cozze è un perfetto escamotage per sorprendere i tuoi ospiti e arricchire la cena.

La storia dell’impepata di cozze si fa risalire al periodo compreso tra il 1759 e il 1816.

L’origine di questa ricetta sembra sia da ricondurre alla grande passione che Ferdinando I di Borbone, re di Napoli e delle due Sicilie, aveva per le cozze. Si racconta che la dieta del re non fosse delle migliori e quindi gli fu consigliato di seguire un’alimentazione più controllata.

Conscio del fatto che davvero un’alimentazione morigerata potesse fare al caso suo, ma non volendo rinunciare alle cozze, sembra che il re Ferdinando I di Borbone chiese di condire le sue amate cozze in maniera più semplice, così da poterle mangiare “con meno sensi di colpa”.

Così nacque la ricetta dell’impepata di cozze: semplice e a base di pochi ingredienti.

La ricetta

cozze per preparare l'impepata

Difficile da credere, ma per dare vita all’ottima ricetta dell’impepata di cozze bastano pochi e semplici ingredienti.

Ingredienti:

  • Cozze
  • Prezzemolo
  • Aglio
  • Olio
  • Pepe

La preparazione dell’impepata di cozze è molto semplice.

La parte più impegnativa e lunga è proprio quella che consiste nel pulire le cozze.

Una volta fatto questo passaggio la strada è tutta in discesa!

Devi mettere in una pentola le cozze, l’olio, l’aglio, il prezzemolo, il pepe nero – possibilmente macinato al momento – e lasciar schiudere le cozze.

Ricordati di eliminare quelle non schiuse perché non vanno mangiare!

Passati pochi minuti, le cozze dovrebbero essere tutte aperte e quindi puoi procedere con l’impiattamento.

È importante, per una buona riuscita, servire l’impepata di cozze calda e con dei crostini di pane.

Per preparare i crostini puoi tagliare delle fette di pane, metterle sulla teglia del forno acceso a 200° e girarle a metà cottura, lasciandole cuocere finché raggiungeranno la doratura desiderata.

A piacere, puoi anche aggiungere degli spicchi di limone per rendere il piatto più gradevole alla vista, che poi saranno utilizzati anche per condire le cozze.

Varianti

Ovviamente, alla ricetta base dall’impepata di cozze si possono aggiungere alcuni ingredienti, che a seconda del tuo personale gusto, possono rendere più gustosa la ricetta.

Impepata di cozze con pomodorini

Una delle varianti della ricetta classica prevedere l’aggiunta di alcuni pomodorini o di passata di pomodoro per “macchiare” e rendere il sughetto delle cozze rosato.

In questo caso, prima di mettere le cozze a scaldare, devi fare un sughetto di pomodorini oppure aggiungere un po’ di passata. Una volta preparato il sugo, aggiungi tutti gli ingredienti e lascia schiudere le cozze.

Impepata di cozze con vongole

Della ricetta dell’impepata di cozze, esiste anche una variante che prevede l’aggiunta di una manciata di vongole.

Il procedimento è lo stesso, ma al momento di inserire le cozze nella pentola per cuocerle, devi aggiungere anche le vongole.

Il sughetto, in questo modo, verrà ancora più saporito.

I fornitori di Citygogo

L’impepata di cozze è un’ottima idea per arricchire la tua cena a base di pesce perché richiede davvero poco tempo per la preparazione.

Ti servono i prodotti per stupire la tua famiglia o i tuoi amici con questa ricetta? Acquistali su Citygogo mentre sei seduto sul tuo divano e li riceverai direttamente a casa entro due ore dall’ordine grazie ai nostri personal shopper!

Scegli il tuo fornitore di fiducia sul nostro sito e riempi il carrello:

  • Surgela Market in Corso Vittorio Emanuele, 213
  • Polar Pesce in Via Ferdinando Galiani, 30
  • Pescheria Castrese in Via Manzoni, 226
  • O’ Figlio do Luciano in Via Ferdinando Galiani, 11

Lascia un commento